Torneo Borelli, ultimo atto della stagione

3 giugno 2019

L’ultimo torneo dell’annata 2018-2019  ha fatto tappa al Ruffino Stadium Mario Lodigiani di Firenze dove è andata in scena la 9′ edizione del “Francesco Borelli”, al quale come lo scorso anno abbiamo partecipato con tutte le Under raccogliendo risultati egregi e in linea con i nostri programmi. Tutte le squadre hanno infatti ben figurato, espresso un gioco gradevole e corretto, e alla fine sono arrivate anche delle belle soddisfazioni meritate sia per i ragazzi che per i coach, ma anche per  i familiari/tifosi che anche oggi hanno seguito le squadre fino all’ultimo respiro sostenendo i nostri colori.

I piccoli fenomeni dell’Under 6 confermano tutto quello che si è visto durante l’anno, e anche sabato nonostante la vera prima giornata di caldo torrido dell’anno non hanno risentito della stanchezza e della lunga annata trascorsa sui campi: sei partite e altrettante nette vittorie, peraltro tutte con avversari degni di nome: Puma Bisenzio, Gispi Prato, Valorugby Reggio Emilia, Firenze 1931, Vasari Arezzo ed Etruschi Livorno. Quasi non ci si crede, ma la realtà è che i coach Mattia, Riccardo, Lorenzo e l’ultima arrivata Markeda quest’anno hanno fatto un lavoro mostruosamente efficace non solo sul piano tecnico ma anche sul piano umano, i bimbi non solo giocano tremendamente bene ma si divertono sempre e oltretutto hanno formato un inossidabile gruppo di piccoli amici che si sostiene in ogni difficoltà e in ogni situazione, con il fondamentale contributo delle famiglie anch’esse dedite alla causa. Un successo su tutti i fronti, un torneo ineccepibile, una stagione da stropicciarsi gli occhi.

Anche le altre categorie  si sono ben comportate, giocando un ottimo rugby e raccogliendo in termini di classifica molto meno di quanto seminato. L‘Under 8, dopo aver ottenuto un buon terzo posto nel girone eliminatorio (sconfitta con Firenze e Reggio Emilia, pareggio con Valdarno e vittoria con Tuscia Rugby Viterbo), hanno poi strappato un bel pareggio nei quarti di finale al Firenze uscendo però penalizzati dalla peggiore differenza mete ottenuta nel girone. La semifinale (vinta 6-5 con Valdarno) e la finale (persa 5-4 con Vasari) hanno poi comunque messo in luce la combattività della squadra che non ha mai mollato fino all’ultimo minuto dell’ultima partita. A questo punto dell’annata  c’è veramente da esserne felici per i coach Mattia, Marco e Raja!!!

Cammino molto simile per l’Under 10 che, come i fratellini minori, hanno chiuso il girone eliminatorio con lo score di due sconfitte (Capitolina Roma e Vasari), un pareggio (Firenze) e una vittoria (Colligiana-Pistoia). Nei quarti è arrivata poi una sconfitta 3-2 con Sesto in un match tiratissimo e concluso sul filo di lana, ma i ragazzi non hanno perso la fiducia e hanno concluso il torneo con una bella doppietta di vittorie (6-3 con Vasari e 6-2 con Scandicci). La grande chiusura di giornata ha certamente ripagato il gruppo e i coach Alessio e Dario per una stagione a volte sfortunata, dove sicuramente la squadra ha raccolto molto meno di quanto avrebbe meritato.

Cammino più difficile per l’Under 12 dei coach Andrea e Vincenzo che oggi è apparsa lontana dagli standard messi in mostra negli ultimi due mesi. La stanchezza alla fine di una lunghissima stagione si è fatta probabilmente sentire e i ragazzi hanno fatto molta fatica ad esprimere un gioco efficace. Dopo le prime due partite, molto combattute (1-1 con i Puma Bisenzio e 0-1 con Valdarno), la squadra ha incontrato avversari ostici (Firenze, Udine, Academy Belfast e Vasari) e non ha saputo contrapporre una valida opposizione, oltretutto con due ragazzi che dopo la terza partita hanno purtroppo dovuto lasciare il campo per infortunio lasciando così i compagni con pochissimi ricambi in una giornata caldissima. Ma il cuore Bellaria non smette mai di battere e nonostante la delusione e le defezioni i ragazzi hanno ritrovato la forza per battere la squadra mista Colligiana/Pistoia nell’ultimo match, evitando così un ultimo posto che sarebbe stato assolutamente immeritato, e riuscendo così a chiudere la stagione con una vittoria e uscire dal campo con il sorriso e la consapevolezza di avercela messa tutta. Cogliamo l’occasione per salutare l’ultimo arrivato, Gregorio, che ha debuttato proprio oggi, e che non si è tirato indietro,!!!

Chiusura anche per la stagione Under 14 che sabato pomeriggio a Pisa ha effettuato un triangolare nel quale si sono incontrate tre formazioni che durante l’anno hanno militato in gironi diversi del campionato, il Cus Pisa, il Rugby Valdinievole e la Bellaria.
Il triangolare è stato organizzato con 3 partite divise in due tempi da 15 minuti l’uno.
Nella prima partita la squadra di casa, che poteva schierare solo i 13 giocatori regolamentari, ha affrontato il Valdinievole perdendo l’incontro con un certo distacco di punteggio e con un atleta infortunato.
Nella seconda partita di giornata gli under 14 della Bellaria hanno incontrato i pari età del Valdinievole. A differenza dell’incontro avvenuto nel corso del torneo Pinocchio ai primi di maggio, la partita è stata combattutissima, e solo una meta all’ultimo minuto regolamentare ha consentito ai nostri bimbi di ottenere la vittoria. Bisogna però riconoscere il merito degli avversari, che arrivavano già stanchi dal primo incontro, con pochissimo tempo per recuperare energie. Nell’ultima partita di giornata si è svolto il “derby “ coi cugini pisani, i quali, vuoi per la maggiore determinazione dimostrata sin dal primo minuto, vuoi per il riposo di cui avevano potuto usufruire, sono riusciti a chiudere il primo tempo sul 14 a 0.
Nel secondo tempo gli atleti del Bellaria hanno provato a ribaltare il risultato, accorciando le distanze, ma una meta della squadra di casa ha definitivamente tagliato le gambe, già provate dal gran caldo, ai nostri ragazzi. Vale la pena di ricordare che per consentire al Cus Pisa di poter scendere in campo con 13 effettivi, la Bellaria aveva prestato il suo terza linea agli avversari, dando ancora una volta dimostrazione che per questa società i valori dello sport vengono prima di ogni altra cosa.